Dottor Mark Trozzi

Onesto | Etico | Medico

Gruppo di controllo" non tossicodipendente" e prima pubblicazione dei dati del sondaggio

Scoprite come oltre 300.000 persone non vaccinate di tutto il mondo hanno affrontato la COVID-19, le scelte e la discriminazione.

Clicca per iscriverti

Ci sono stati pochissimi studi che hanno esaminato come se la cavano coloro che hanno scelto di affidarsi all'immunità naturale e ai prodotti naturali, rispetto a coloro che hanno acconsentito ai vaccini genetici COVID-19, i quali possono o meno aver cercato di ottimizzare il proprio sistema immunitario. I pochi che sono stati fatti spesso mescolano vaccinati e non vaccinati, come dimostrato nel caso di Dati del Regno Unito del Prof. Norman Fenton e del suo gruppo presso la Queen Mary, University of London

Le cose cambiano con la prima pubblicazione dell'analisi dei dati del sondaggio internazionale 'Progetto "Gruppo di controllo - noto anche come gruppo di controllo Vax.

Il progetto, guidato dai cittadini, è stato avviato da una cooperativa di Eastbourne (Regno Unito), la Gruppo di controllo Cooperativa - e ha avuto oltre 300.000 abbonati.

Rob Verkerk PhD dell'ANH ha guidato un team che comprende la dottoressa Naseeba Kathrada (medico di base, Sudafrica, Caring Healthcare Workers Coalition), Christof Plothe DO (medico integrativo e osteopata, Germania) e la dottoressa Kat Lindley (medico di famiglia, USA) che ha raccolto, analizzato e interpretato i primi 5 mesi di dati dell'indagine sui partecipanti al "gruppo di controllo".

I dati dell'indagine offrono importanti rivelazioni, tra cui:

  • Le ragioni principali addotte per evitare i vaccini includono la preferenza per gli interventi di medicina naturale, la sfiducia negli interventi farmaceutici, la sfiducia nelle informazioni governative, i dati scarsi/limitati degli studi sperimentali e la paura delle reazioni avverse a lungo termine.
  • I partecipanti al "gruppo di controllo" non vaccinati non comportano un onere sproporzionato per i sistemi sanitari - anzi, al contrario, hanno registrato tassi di ospedalizzazione molto bassi e la malattia grave da covide-19 è rara.
  • Sono più propensi a curarsi da soli, utilizzando prodotti naturali come la vitamina D, la vitamina C, lo zinco e la quercetina.
  • Molti hanno utilizzato l'ivermectina e l'idrossiclorochina
  • Le donne hanno sofferto di anomalie mestruali e di sanguinamento pur non essendo vaccinate, probabilmente a causa dell'esposizione alla proteina spike e dello shedding.
  • Il loro carico di salute mentale è stato considerevole, probabilmente aggravato dalla stigmatizzazione da parte della società tradizionale e "vaccinata".  
  • Sono stati pesantemente discriminati a causa della loro decisione di esercitare il diritto al consenso informato e di rifiutare la somministrazione di "vaccini genetici".

>>> Leggi il nostro comunicato stampa qui sotto o scarica qui

>>> Scarica e leggi il rapporto di prestampa sui risultati dell'indagine su ResearchGate

>>> Guarda qui sotto il video introduttivo di Rob Verkerk - oppure scarica qui.

VI INVITIAMO A CONDIVIDERLO AMPIAMENTE!

COMUNICATO STAMPA

Per il rilascio immediato
9 giugno 2022

Niente jab, meno ricoveri: è quanto emerge da un'indagine internazionale

Un'indagine internazionale su un "gruppo di controllo" consapevole della salute, che comprende oltre 300.000 persone che hanno scelto di evitare la vaccinazione contro la COVID-19, mostra che i partecipanti comportano un onere minimo per i sistemi sanitari grazie al loro forte affidamento sull'immunità naturale, sull'autocura e sull'uso di integratori naturali per la salute per aiutare a prevenire o addirittura a curare la COVID-19. Tuttavia, questo gruppo si trova ad affrontare discriminazioni immotivate, perdite di lavoro e problemi di salute mentale intensificati dalla sua emarginazione dalla società tradizionale.

L'indagine sui partecipanti al "Gruppo di controllo" comprende un sottogruppo degli oltre 305.000 partecipanti di più di 175 Paesi che hanno aderito al progetto guidato dai cittadini e hanno scelto di non ricevere il vaccino COVID-19. I risultati, appena caricati sul server di preprint ResearchGate, mostrano che durante il periodo di indagine di 5 mesi (da settembre 2021 a febbraio 2022 compresi), i partecipanti hanno avuto bassi tassi di malattia grave da COVID-19, sono stati ricoverati raramente in ospedale e hanno usato ampiamente prodotti naturali per la salute sia per la prevenzione che per il trattamento della COVID-19 lieve o moderata.  

I dati di questi primi cinque mesi di indagine del Gruppo di Controllo sono stati analizzati e interpretati da un team internazionale indipendente guidato da Robert Verkerk PhD, scienziato multidisciplinare e fondatore, direttore esecutivo e scientifico dell'organizzazione no-profit Alliance for Natural Health International. Tra i coautori figurano tre medici praticanti, la dottoressa Naseeba Kathrada dal Sudafrica, Christof Plothe DO dalla Germania e la dottoressa Katarina Lindley dagli Stati Uniti. Gli autori si sono riuniti per valutare i dati dell'indagine grazie alla loro collaborazione, negli ultimi mesi, con il Consiglio Mondiale per la Salute, una coalizione globale senza scopo di lucro di organizzazioni e gruppi della società civile che si occupano di salute.

I risultati dell'indagine si basano su una sottocoorte di circa 18.500 partecipanti al Gruppo di Controllo che hanno completato i questionari su base mensile nei primi cinque mesi dell'indagine. Tra i numerosi dati raccolti, l'indagine ha rilevato le ragioni per cui i partecipanti evitavano i vaccini: la sfiducia nei confronti dei governi e delle aziende farmaceutiche e le preoccupazioni per le reazioni avverse causate da vaccini non sufficientemente testati erano in cima alla lista.

I partecipanti hanno riferito di gravi problemi di salute mentale, che potrebbero essere stati aggravati dalla stigmatizzazione e dalla discriminazione di cui sono vittime coloro che hanno rifiutato il vaccino COVID-19. È emerso inoltre che le donne, pur non essendo vaccinate per la COVID-19, hanno sofferto di anomalie mestruali e di sanguinamento che potrebbero essere state associate all'esposizione virale, allo shedding, all'esposizione alla proteina spike o ai cambiamenti comportamentali legati alla pandemia. Coloro che non hanno mai indossato maschere hanno riportato i livelli più bassi di malattia da COVID-19.

Poiché i partecipanti sono autoselezionati e hanno fatto autodichiarazioni, i risultati dell'indagine devono essere interpretati con cautela quando li si confronta con statistiche nazionali o con studi basati su popolazioni selezionate a caso. 

Il progetto Control Group, con sede nel Regno Unito, è stato istituito a metà del 2021 come cooperativa guidata dai cittadini, con l'obiettivo di valutare i risultati sanitari a lungo termine tra i vaccinati COVID-19 e di collegare i suoi membri alle reti di supporto nazionali e ai gruppi di comunità online.

Il rapporto completo dell'indagine può essere scaricato da ResearchGate qui.

FINE

© 2022 Alliance for Natural Health International. Questo lavoro è riprodotto e distribuito con il permesso di L'Alleanza per la Salute Naturale Internazionalel.

CONTATTO

Per ulteriori informazioni sull'indagine e sui risultati, contattare Rob Verkerk PhD utilizzando uno dei seguenti metodi:
Telefono: +44 (0)1484 646 600
Email: [email protected]

Pulsanti di condivisione

Telegramma
Email
Facebook
Twitter
WhatsApp
Stampa

Newsletter

Sii il primo a sapere quando il Dr. Trozzi rilascia contenuti. L'iscrizione alla nostra newsletter è gratuita ed è possibile annullare l'iscrizione o modificare le impostazioni di notifica in qualsiasi momento.


Appiccicoso su
it_ITItaliano