Dottor Mark Trozzi

Onesto | Etico | Medico

LA Times ha vergognosamente ballato sulla tomba di Kelly Ermby.

Il LA Times ha approfittato della morte di Kelly Ermby per ballare sulla sua tomba e dichiarare falsamente la prova che le iniezioni di covid sono buone.

Ecco una citazione dall'articolo del LA Times del 10 gennaio 2022, intitolato Prendere in giro le morti di COVID degli anti-vaxxers è macabro, sì - But May Be Necessario:

"Come dovremmo reagire alla morte dei non vaccinati? Da un lato, un segno distintivo del pensiero civile è il senso che ogni vita è preziosa. Dall'altro, coloro che hanno deliberatamente ignorato il sobrio consiglio medico rifiutando un vaccino noto per ridurre il rischio di gravi malattie dal virus, compreso il rischio per gli altri, e finiscono in ospedale o nella tomba possono essere visti come se ricevessero il loro giusto premio". - Michael Hilzik editorialista del LA Times.

Non c'è nessuna prova scientifica che supporti l'emarginazione delle persone che hanno fatto la scelta di non farsi iniettare. Anche se non farsi iniettare non rende immortali; rifiutare le iniezioni forzate è ancora statisticamente e scientificamente la scelta chiaramente migliore per evitare la morte e la malattia. La gente muore, sia che muoia dopo essere stata ingannata, costretta e iniettata con un esperimento medico pericoloso o meno, la morte di persone innocenti è sempre triste.

In termini di quanto siano pericolose le iniezioni, ecco alcune immagini che dimostrano i recenti dati aggiornati del Vaccine Adverse Events Reporting System degli USA al 31 dicembre 2021. Queste iniezioni hanno stabilito dei record per gli eventi avversi e la morte associati a qualsiasi cosa chiamata vaccino. Questo include più di due volte la morte da questa sola iniezione in un solo anno, che è stata associata a tutti i vaccini combinati per tutti gli ultimi trent'anni combinati. Qui ci sono alcune tabelle e grafici di dati VAESR che meritano uno sguardo:

Deridere i morti; inganno mortale. Vergogna al LA Times

Questa propaganda in stile anni '40 del LA Times contro i "non vaccinati" ignora fatti come:

Il Covid ha ucciso una percentuale molto piccola di persone prima che iniziassero le campagne di iniezioni. A causa del suo effettivo basso tasso di mortalità, chiamarla "pandemia" era ingannevole e diabolicamente strategico. Il Covid uccide ancora una percentuale molto piccola di persone, sia iniettate che non iniettate.

Il propagandista del LA Times ha scelto la morte di una contro-agenda-attivista non iniettata. Hanno scelto di ballare sulla sua tomba, fingendo che la sua morte sia la prova che i jabs funzionano, e promuovendo l'idea che deridere la morte di persone non iniettate sia in qualche modo costruttivo ed etico.

Questo, senza dubbio, serve l'agenda dei finanziatori e dei padroni di questo dinosauro dei media, per iniettare forzatamente ogni umano sulla terra, ancora e ancora e ancora.

Ecco alcuni numeri reali da considerare:

Prima che a qualcuno di noi venisse iniettato il covid-"vaccino", il tasso di mortalità del covid, la variante alfa, era compreso tra 0,15 % e 0,3%. Con un trattamento sicuro e conveniente, il tasso di mortalità scende tra 0,023% e 0,045%.

Il tasso di mortalità dei cosiddetti "vaccini" è di almeno 3% (Riferimenti: uno e due)

Cioè 3% morti solo entro i primi tre mesi dopo l'iniezione, con molti più danni ancora previsti (Riferimenti: uno e due) nei mesi e negli anni successivi. Questo è almeno dieci volte il tasso di mortalità del covid senza trattamento, e almeno 67 volte il tasso di mortalità del covid con un trattamento economico e sicuro.

La probabilità di morire, solo nei primi 3 mesi dopo il vaccino, è almeno 67 volte il loro rischio di morire di covid se l'hanno preso e hanno semplice e disponibile trattamento a casa.

Anche se mettiamo da parte la realtà che il vaccino è almeno da 10 a 67 volte più pericoloso del covid stesso; possiamo ancora considerare la domanda: "se qualcuno sopravvive al vaccino, questo riduce le sue probabilità di prendere o trasmettere il covid? Sicuramente, per compensare tutto questo rischio, ci deve essere qualche beneficio nel cosiddetto "vaccino".

Quello che stiamo osservando, è che in mezzo ai pericoli delle iniezioni, ci sono alcuni brevi benefici nel ridurre la gravità della malattia dei covidi da lieve a moderata dopo le iniezioni. Tuttavia questi benefici svaniscono nel giro di pochi mesi e sono assenti anche per nuove sottili varianti che si presentano.

Analizzare i dati di covid è complicato da una varietà di pratiche ingannevoli, che sono in corso in molti luoghi dove l'impresa criminale covid mantiene ancora il controllo istituzionale. In queste truffe, anche le persone che si ammalano e muoiono per gli effetti avversi dei cosiddetti "vaccini" entro 14 o 21 giorni dopo l'iniezione, possono essere etichettate come "non vaccinate" e "morenti da covid", spingendo così l'opinione pubblica falsamente a sostegno delle iniezioni piuttosto che contro. (Vedere i riferimenti: uno, due, e tre).

Naturale, le persone non iniettate hanno la speranza di incontrare l'infezione naturale che è spesso asintomatica o lieve ma fornisce immunità naturale ampia ed efficace di lunga durata contro tutte le varianti della SARS C0V2. In effetti molte persone hanno già raggiunto questo risultato in modo naturale; sono robustamente immuni.   

La maggior parte dei virus corona, specialmente la variante omicron, sono molto lievi; la maggior parte delle persone sarà asintomatica o avrà sintomi lievi. Inoltre, con un trattamento sicuro ed efficace disponibile, quasi nessuno deve soffrire o morire quando è esposto. Piuttosto, possono avere una malattia lieve e sviluppare un'eccellente immunità per tutta la vita.

Le cosiddette iniezioni danneggiano il sistema immunitario e ostacolano lo sviluppo di un'eccellente immunità naturale. Le vittime sono lasciate molto più vulnerabili alla malattia dei covidi, oltre che direttamente danneggiate dalle iniezioni. 

Prove recenti dalla Germania rivela un aumento di 8 volte del rischio di infezione con la variante omicron negli individui "completamente" (cioè con doppia e tripla "vaccinazione"). Abbiamo in programma di condividere di più su questi recenti dati tedeschi nel corso della prossima settimana. L'aumentata incidenza osservata dell'infezione da omicron tra i "vaccinati" covidi ha senso, come abbiamo descritto in precedenza, essi hanno anticorpi solo contro la proteina spike del modello dell'anno scorso, che sono inefficaci contro le nuove varianti. Infatti questi anticorpi innaturali aiutano a spingere l'evoluzione di varianti come omicron. Nel frattempo, le persone iniettate i sistemi immunitari innato e adattativo sono stati danneggiatie non sono addestrati per affrontare realmente la SARS C0V2 e le nuove varianti che verranno.

In sintesi:

I cosiddetti "vaccini" sono stati un completo fallimento. Hanno stabilito nuovi record di eventi avversi e di morte per qualsiasi cosa etichettata come "vaccino". Sfortunatamente, ci sono molte altre morti e malattie indotte dall'iniezione previste in futuro, oltre ai danni a breve termine che stiamo osservando attualmente (Riferimenti: Uno e Due).

È vero che siamo mortali, e le persone non iniettate vivranno e moriranno comunque. Alcuni moriranno anche con il covid. Ma questo non fornisce alcuna base scientifica al LA Times per ballare sulla tomba e dichiarare la prova che le iniezioni salvano la vita. Non lo fanno. Sono mortali.

Il LA Times ha disonorato se stesso. Dovrebbe essere loro negato qualsiasi nostro affare o denaro. La famiglia di Kelly Ermby sarebbe giustificata ad intraprendere un'azione civile e penale contro di loro.

Per una buona comprensione generale delle iniezioni forzate si prega di leggere o guardare I "vaccini" Covid; quanto sono pericolosi?

Pulsanti di condivisione

Telegramma
Email
Facebook
Twitter
WhatsApp
Stampa

Newsletter

Sii il primo a sapere quando il Dr. Trozzi rilascia contenuti. L'iscrizione alla nostra newsletter è gratuita ed è possibile annullare l'iscrizione o modificare le impostazioni di notifica in qualsiasi momento.


Appiccicoso su
it_ITItaliano