Dottor Mark Trozzi

Onesto | Etico | Medico

Rivelare la triste realtà della selezione mediata dagli anticorpi indotta dai vaccini

Il peccato antigenico originale: La vaccinazione COVID-19 e il priming immunitario iniziale subottimale alterano la risposta immunitaria anticorpale e citotossica delle cellule T

Scritto da Paul Alexander, Dan Stock, MD, e Mark Trozzi, MD

I dottori. Vanden Bossche e Montagnier ci hanno avvertito circa la vaccinazione durante una pandemia con forte pressione infettiva e l'uso di picco molto stretto specifico (un immaturo, sub-ottimale, incompleto, spettro libreria immunitaria) rendimento, sub-ottimale anticorpi. Che potremmo eventualmente guidare la fuga immunitaria virale mediata dal vaccino e sosteniamo che stiamo vedendo proprio questo ora nel Regno Unito e in Israele e anche negli Stati Uniti. "È chiaro che le nuove varianti sono create dalla selezione anticorpo-mediata dovuta alla vaccinazione." È la vaccinazione e le risposte anticorpali incomplete sub-ottimali "scardinate e squilibrate" che sta guidando l'emergere delle varianti. È per questo che tanti giovani atleti sani stanno morendo?

È ormai abbondantemente chiaro che i vaccini COVID-19 sono 'perdite(i vaccini a perdita non fermano l'infezione o la trasmissione e permettono la fuga immunitaria) e non sterilizzano il virus COVID (non sono neutralizzanti o perdono questa capacità molto rapidamente). Questi vaccini mostrano che più una nazione è vaccinata, più ha problemi con il vaccino in termini di escalation di infezioni. Questi vaccini non proteggono adeguatamente le vie respiratorie superiori. I dati sono chiari: i vaccinati possono trasmettere con la stessa efficienza di alcuni che sono completamente non protetti. L'immunità dai vaccini sembra essere solo di circa 4 o 5 mesi e quindi come si può pensare di raggiungere un'immunità di gregge a livello di popolazione con questi vaccini? È virtualmente impossibile che questi vaccini possano portarci all'immunità di gregge. Zero possibilità. Eppure, stiamo per accettare il potenziamento ogni 5 mesi? Sappiamo se il sistema immunitario è progettato per questo? Questo, così come l'antibody dependent enhancement (ADE) e l'antibody mediated viral enhancement (AMVE) non sono stati studiati. Questa è stata un'omissione catastrofica e un fallimento da parte degli sviluppatori del vaccino e della FDA come regolatore chiave nel far rispettare questo. 

Ma perché il CDC, il NIH, gli sviluppatori di vaccini e i loro sostenitori continuano a spingere questi vaccini imperfetti sulla popolazione, specialmente sulle persone a basso rischio, quando l'immunità anticorpale svanisce rapidamente e tutto ciò che si sta facendo è preparare la popolazione a ripetuti richiami che comportano dei rischi? Perché gli sviluppatori di vaccini hanno portato questi vaccini imperfetti, come se fossero destinati a fallire fin dall'inizio? Come detto, non abbiamo studiato se il sistema immunitario umano è in grado di sopportare ripetuti richiami del vaccino. Stiamo vedendo che i vaccinati sono ad un certo punto, guidando la trasmissione con un vaccino che ha un'immunità limitata 'discutibile'. 

La nostra tesi è che i doppi e tripli vaccinati (probabilmente quadruplo vaccinato in Israele) stanno (starebbero) guidando la trasmissione della variante Delta con gravi conseguenze per i vulnerabili non vaccinati (e vaccinati). Funzionano potenzialmente come super diffusori asintomatici. Che questi vaccini COVID funzionano per mantenere in vita la persona vaccinata, ma permettendo l'infezione e la trasmissione che potrebbe permettere ai ceppi molto virulenti di circolare all'interno di una popolazione. Quello che stiamo vedendo attualmente non può essere veramente spiegato dalle differenze di varianti e da questa ripartizione delle infezioni tra le persone vaccinate. Le persone che sono doppiamente vaccinate vengono fatte spargere il virus a livelli allarmanti. 

Il Malattia di Marek/Read et al. (vaccini imperfetti 'leaky' non sterilizzanti e non neutralizzanti che riducono i sintomi ma non fermano l'infezione o la trasmissione) nel modello dei polli e il concetto di Peccato antigenico originale (l'adescamento iniziale del sistema immunitario o l'esposizione pregiudica la risposta immunitaria per tutta la vita a quel patogeno/virus o simile, e se l'adescamento iniziale del sistema immunitario è davvero sub-ottimaleLa risposta successiva (esposizione) può essere sub-ottimale a quell'agente patogeno o a quelli simili/collegati) può spiegare ciò che stiamo potenzialmente affrontando ora con questi vaccini COVID imperfetti (che è fuga immunitaria, aumento della carica virale, aumento della trasmissione, trasmissione più veloce, e potenzialmente più varianti 'hotter'). Desideriamo sostenere che potremmo essere in grado di spiegare l'aumento delle infezioni (ospedalizzazione e morte) sia nelle persone vaccinate che in quelle non vaccinate attraverso il concetto di peccato antigenico originale. Anche se alcuni potrebbero obiettare che si tratta di un argomento teorico, i dati che stiamo vedendo potrebbero essere ben spiegati da questo. Non vediamo altre spiegazioni in questo momento per ciò che stiamo vedendo nei dati post vaccino in Gran Bretagna, Israele, Stati Uniti ecc. 

Penn State's Ohm similmente scrive "I vaccini che perdono funzionano...senza necessariamente bloccare o rallentare la replicazione virale. Il risultato è che gli individui infetti ma vaccinati hanno una sopravvivenza prolungata, permettendo all'agente patogeno altamente virulento che normalmente raggiungerebbe un vicolo cieco evolutivo in un ospite morto, di potersi trasmettere." Stivali echeggiato simile e ancora una volta suggeriamo che siamo forse di fronte a un Marek 2.0 ora con questi vaccini COVID chiaramente imperfetti. Sì, sono necessari più dati e una ricerca definitiva acuta perché questo non è stato studiato dagli sviluppatori del vaccino e siamo all'oscuro di come questi vaccini si comportano a medio e lungo termine per quanto riguarda la sicurezza. Siamo in una situazione di scatola nera. Tuttavia, ciò che si sta delineando solleva molte domande urgenti ed è potenzialmente minaccioso. Corriamo il rischio di uccidere molti con questi vaccini, e in particolare i nostri bambini se quello che stiamo vedendo è la punta dell'ADE/AMVE. 

Stiamo effettivamente vedendo grandi ospedalizzazioni di COVID, ricoveri in terapia intensiva e morti nel Regno Unito tra i completamente vaccinati. Questo è un problema enorme e questo potrebbe essere un AMVE/ADE che temevamo. Il peggior incubo di un virologo. Non è necessario che sia presente un anticorpo potenziante (Dr. Dan Stock, comunicazione personale, 8 novembre 2021) e questa sfumatura deve essere presa in considerazione nella nostra discussione. "Il deficit maggiore è quello causato dallo spostamento dei Th 2 dalla risposta cellulare citotossica natural killer CD 8+ all'infezione locale, che è necessariamente indotta, indipendentemente dal tipo di Ab che viene prodotto... gli anticorpi non utili non sono davvero necessari per lo scompenso del sistema immunitario". 

Noi sosteniamo che può essere che siano stati tagliati abbastanza angoli nelle prove e nella produzione dei vaccini sotto l'Operazione Velocità di curvatura (OWS) per ridurre le tempistiche, con il risultato che vaccini nocivi sub-ottimali sono stati portati alla società. Il precedente presidente Trump è stato ingannato e male informato dai suoi consulenti scientifici e dagli sviluppatori di vaccini? Noi sosteniamo che lo hanno ingannato. Se gli studi fossero stati condotti correttamente per quanto riguarda gli aspetti di sicurezza del vaccino e per la durata adeguata, se avessimo seguito abbastanza a lungo per esaminare AMVE/ADE, allora è probabile che non saremmo testimoni di ciò che si sta svolgendo nei dati del Regno Unito e nei dati israeliani oggi. O negli Stati Uniti con un chiaro fallimento del vaccino e la necessità potenzialmente pericolosa di ripetere il boosting. Ripetere l'aumento potrebbe essere devastante. 

Scriviamo qui per la nostra paura di ciò che potrebbe accadere ai nostri figli se procedessimo a vaccinare in massa bambini sani. Pensiamo, sulla base di ciò che si è materializzato finora, che potremmo danneggiare seriamente molti bambini con questi vaccini. È importante che i bambini non abbiano un rischio significativo da questo virus e deve essere lasciato solo. Questo vaccino non è necessario e i leader governativi della salute pubblica (Francis Collins/NIH, Anthony Fauci/NIAID, e Rochelle Walensky/CDC né la FDA/Woodcock e Marks) o gli sviluppatori di vaccini non hanno portato avanti il loro caso sul perché i bambini hanno bisogno di questi vaccini. Inoltre, corriamo il rischio di trasformare i bambini in superdiffusori asintomatici (come sta accadendo negli adulti ora nel Regno Unito e in Israele (e negli Stati Uniti)) oltre a incorrere in esiti letali, se andiamo avanti con la vaccinazione di massa. 

Dove sono le prove che sostengono questa tesi che stiamo davvero fissando il barile di Marek 2.0? I recenti rapporti della Public Health England (PHE) # 44 e # 45 sono un aspetto chiave di questa tesi (come lo sono 5 rapporti PHE precedenti) e anche se speculativi e teorici, pensiamo che questi rapporti sollevino questioni serie che non possiamo scontare. Pensiamo anche di aver superato la teoria. Svolgiamo la discussione con i seguenti studi che stabiliscono il tavolo rivelando il fallimento e le immense sfide con gli attuali vaccini (in particolare Pfizer) per quanto riguarda la variante Delta. 

Il vaccino ha chiaramente fallito contro il Delta e i completamente vaccinati stanno rivelando un'infezione e una propensione alla trasmissione sconcertanti. Per esempio, abbiamo presentato i risultati della ricerca di Singanayagam et al. (gli individui completamente vaccinati con infezioni di rottura hanno una carica virale di picco simile ai casi non vaccinati e possono efficacemente trasmettere l'infezione in ambienti domestici, compresi i contatti completamente vaccinati), da Chau et al. (le cariche virali dei casi di infezione della variante Delta breakthrough nelle infermiere vaccinate erano 251 volte superiori a quelle dei casi infettati con ceppi precedenti all'inizio del 2020), e da Riemersma et al. (nessuna differenza nelle cariche virali quando si confrontano gli individui non vaccinati con quelli che hanno infezioni da vaccino "breakthrough" e se gli individui vaccinati si infettano con la variante delta, possono essere fonti di trasmissione della SARS-CoV-2 ad altri) che rivelano che i vaccini hanno un'efficacia molto sub-ottimale. Questa situazione preoccupante dei vaccinati che sono altamente infettivi e che trasmettono il virus è emersa chiaramente anche in articoli seminali sui focolai nosocomiali di Chau et al. (HCWs in Vietnam), il Focolaio in ospedale in Finlandia (diffuso tra HCW e pazienti), e il Focolaio dell'ospedale di Israele (diffusione tra il personale sanitario e i pazienti). Questi studi hanno anche rivelato in modo preoccupante che i DPI e il mascheramento erano essenzialmente inefficaci nell'ambiente sanitario. Tutti gli operatori sanitari sono stati vaccinati due volte, eppure c'è stata un'ampia diffusione a loro stessi e ai loro pazienti. 

Inoltre, Nordström et al. (l'efficacia del vaccino Pfizer contro l'infezione è diminuita progressivamente da 92% giorno 15-30 a 47% giorno 121-180, e dal giorno 211 in poi nessuna efficacia), Suthar et al. (un sostanziale declino delle risposte anticorpali e dell'immunità delle cellule T alla SARS-CoV-2 e alle sue varianti, a 6 mesi dalla seconda immunizzazione), Yahi et al. (con la variante delta, gli anticorpi neutralizzanti hanno un'affinità diminuita per la proteina spike, mentre gli anticorpi facilitatori mostrano un'affinità sorprendentemente aumentata), Juthani et al. (maggior numero di pazienti con malattia grave o critica in quelli che hanno ricevuto il vaccino Pfizer), Gazit et al. (I vaccinati SARS-CoV-2-naïve avevano un rischio 13 volte maggiore di infezione con la variante Delta, e un rischio sostanzialmente elevato di COVID sintomatica e di ospedalizzazione), e Acharya et al. (nessuna differenza significativa nei valori di soglia del ciclo tra i gruppi vaccinati e non vaccinati, asintomatici e sintomatici infettati da Delta) rivelano collettivamente la scarsa efficacia e persino l'efficacia negativa dei vaccini COVID. Levine-Tiefenbrun et al. riferisce che l'efficacia della riduzione della carica virale diminuisce con il tempo dopo la vaccinazione, "diminuendo significativamente a 3 mesi dopo la vaccinazione e svanendo effettivamente dopo circa 6 mesi". 

Come esempio, il Studio svedese (retrospettivo con 842.974 coppie (N=1.684.958)) è particolarmente allarmante perché mostra che mentre il vaccino fornisce una protezione temporanea contro l'infezione, l'efficacia diminuisce sotto zero e poi in territorio di efficacia negativa a circa 7 mesi, sottolineando che i vaccinati sono altamente suscettibili all'infezione e alla fine diventano altamente infetti (più dei non vaccinati). Un altro esempio emerge dall'Irlanda, dove i rapporti suggeriscono che Distretto cittadino di Waterford ha il più alto tasso di infezioni Covid-19 dello Stato, mentre la contea vanta anche il più alto tasso di vaccinazione della Repubblica (99,7% vaccinati). I rapporti sono che l'U.S.A. Morti di Covid-19 per il 2021 ha superato le morti del 2020, portando alcuni ad affermare che "più persone sono morte per COVID-19 nel 2021con la maggior parte degli adulti vaccinati e quasi tutti gli anziani), che nel 2020 quando nessuno era vaccinato". 

Quindi le prove si sono accumulate (come sopra) che c'è una svolta e il vaccino sta fallendo contro la variante Delta. Non ci sono dubbi. Anche Il direttore del CDC Rochelle Walensky ha ammesso che i vaccini non fermano la trasmissione, il che è un'ammissione di un vaccino fallito. Ancora una volta, il Malattia di Marek nei polli e la situazione della vaccinazione spiega ciò che stiamo potenzialmente affrontando con questi vaccini che perdono (trasmissione aumentata, trasmissione più veloce e più varianti "più calde"). 

Un modello di AMVE/ADE circonda il Peccato antigenico originale e l'adescamento iniziale del sistema immunitario o l'esposizione che pregiudica la risposta immunitaria per tutta la vita a quel patogeno/virus o simile. Inoltre, se l'adescamento iniziale del sistema immunitario è davvero sub-ottimaleallora la risposta successiva (esposizione) può essere sub-ottimale a quell'agente patogeno o a quelli simili/collegati. 

Non siamo virologi o immunologi, ma cerchiamo di dare un senso ai dati che stiamo vedendo e a quello che sta succedendo alle persone vaccinate e non vaccinate. Siamo guidati dall'enorme lavoro del Dr. Dan Stock, e la nostra spiegazione post vaccinazione (con il suo contributo di esperto) è la seguente:

Se l'adescamento/esposizione iniziale avviene tramite vaccino, allora la risposta immunitaria delle cellule T helper (CD 4+) sarebbe orientata (commutata) verso una risposta delle cellule B e degli anticorpi Th 2 e una risposta più limitata delle cellule T citotossiche Th1 CD 8+ nel sito nativo localizzato dell'infezione. Il sistema immunitario è costretto a scegliere tra la differenziazione Th 1 e Th2, e tale differenziazione è permanente. Sta 'imparando' che ogni volta che si è esposti al virus in natura (o a virus simili), che dovrebbe passare al percorso Th 2 e fare meno immunità citotossica Th 1 perché si è preso il vaccino. Il sistema immunitario è costretto a passare tra le vie di risposta immunitaria Th 1 e Th 2 e se risponde sistematicamente con gli anticorpi (se la vostra prima esposizione è il vaccino), allora quando in futuro sarete effettivamente infettati dal virus come infezione localizzata del tratto respiratorio (la seconda occhiata del vostro sistema immunitario al virus), il vostro sistema immunitario risponderà in modo sbagliato (disturbato) e non con la risposta citotossica CD 8+ che è effettivamente (in modo ottimale) necessaria nel sito di infezione (tratto respiratorio). In altre parole, i segnali inviati dal tessuto locale al sistema immunitario dicono di produrre cellule B e anticorpi e non le cellule citotossiche necessarie al sito locale dell'infezione per iniziare a eliminare l'infezione. 

Il risultato è che il tessuto respiratorio (polmoni) diventa più infetto (poiché le cellule citotossiche non ci sono o non ne vengono prodotte abbastanza per eliminare l'infezione) e sempre più malato e la persona infettata potrebbe essere molto infettata da sempre più virus poiché la risposta CD 8+ è diminuita o forse inesistente. La persona vaccinata sarebbe quindi potenzialmente molto malata e allo stesso tempo, accumulando una massiccia carica virale e capace di trasmettere il virus. Quindi l'infezione si sta accumulando nei tessuti locali (il sito primario dell'infezione) e non viene eliminata dalla risposta citotossica che è stata tamponata. Questo può aiutare a spiegare i dati che stiamo vedendo fuori dal Regno Unito (rapporti # 44 & 45 e rapporti 39-43) con morti non solo nei vulnerabili non vaccinati ma nei vaccinati. Questo è un problema reale se questo è davvero ciò che si sta verificando. Una presentazione sistemica (dovuta al vaccino) deve necessariamente ridurre la risposta Th 1 mentre guida la risposta Th 2, permettendo non solo un aumento dello spargimento, ma alla fine guidando un patogeno che naturalmente non si diffonderebbe rapidamente, e certamente non prima di essere sradicato, in un patogeno incontrollabile che si diffonderebbe più rapidamente e in modo affidabile, guidando ulteriormente la progressiva differenziazione Th 2, la ridotta risposta Th 1, fino a quando alla fine l'infezione non avrebbe alcuna risposta Th 1 significativa. Il risultato è la distruzione dei polmoni e il raggiungimento del limite superiore della risposta Th 2. Allora vedremmo non solo la diffusione ai non vaccinati ingenui, ma un aumento della morte nei vaccinati, che non si riprenderanno mai con una risposta immunitaria adeguata, poiché il sistema immunitario "impara" la risposta iniziale sub-ottimale errata (lontano dalla risposta citotossica CD 8+) e risponde in quella direzione con l'esposizione/boosting successivo. Il potenziamento sarà devastante perché non farà altro che alimentare questa risposta immunitaria squilibrata, che si accumulerà e il vaccinato si ammalerà sempre di più perché non c'è una risposta citotossica Th 1 disponibile. Il sistema immunitario impara effettivamente a rispondere in modo scorretto e il risultato è il tessuto del tratto respiratorio/polmoni che diventa sempre più infetto e malato, e la persona vaccinata a rischio di malattia grave perché anche il vaccinato vulnerabile è a rischio di infezione e di esito grave. Anche se il vicino non vaccinato ha un sistema immunitario robusto, potrebbe essere sopraffatto dal virus della persona vaccinata che sta spargendo e sfornando un'infezione massiccia (dato che i percorsi CD 8+ sono ridotti). Entrambi possono ammalarsi molto e morire. 

Così, quando guardiamo più da vicino il rapporto di Public Health England (PHE) # 44 & 45 (compresi i rapporti # 39 a 43) che ha dati molto granulari, vediamo che le infezioni sono nettamente più alte in quelli vaccinati in tutte le fasce d'età sopra i 30 anni (tabelle 2-5), il passaggio a quelli di 30 anni e più si verifica tra la settimana 35 e la settimana 38 nel rapporto # 39. La tabella 5, pur riportando dati non aggiustati, è molto istruttiva per quanto riguarda i tassi più attuali tra la settimana 40 e settimana 43 2021 (pagina 20 del rapporto # 44) (Tabella 1 e 2), e si noti che i dati della settimana 44 sono riportati come "non aggiustati". Lo stesso emerge nella relazione # 45 (Tabella 6 pagina 22, tra la settimana 41 e la settimana 44 2021). Vediamo una tendenza stabile e coerente in questi dati britannici raccolti e riportati in modo robusto, nel senso che i vaccinati (sembra) stanno diventando più altamente infetti con la variante Delta e i non vaccinati vengono ricoverati e muoiono (insieme ai vaccinati). I non vaccinati sono una preoccupazione particolare data la loro vulnerabilità e questi tassi allarmanti. Un recente Yahoo Regno Unito il rapporto sta suonando l'allarme come sono altri dove stiamo assistendo ai più alti tassi di infezione, ospedalizzazione e morte nelle nazioni più vaccinate. Ci sono rapporti simili in Scozia che i vaccinati hanno rappresentato "89% dei decessi per Covid-19 nelle ultime quattro settimane, mentre anche 77% dei ricoveri per Covid-19 e 65% dei presunti casi di Covid-19 dal 9 ottobre al 5 novembre".

Conclusione

Il vaccino COVID ci sta proteggendo da danni gravi ma non ci impedisce di prendere il virus, e come tale (come visto nei dati del Regno Unito) guida varianti più letali? Siamo davvero di fronte a una vaccinazione imperfetta che ci tiene in vita ma permette la trasmissione, non l'uccisione del virus, per cui i vaccinati stanno trasmettendo il virus e anzi un virus più potente? Che gli stessi vaccinati si stanno ammalando gravemente a causa di una risposta immunitaria squilibrata. Come si è visto nella vaccinazione contro la malattia di Marek nei polli, forse stiamo assistendo al fatto che la vaccinazione contro il virus COVID-19 e la malattia sta favorendo una maggiore virulenza (ai vaccinati e ai non vaccinati vulnerabili). 

Da dove siamo seduti, sosteniamo che questo non è più un rischio teorico e i dati che stiamo guardando suggeriscono che questo è effettivamente ciò a cui stiamo assistendo ora in Israele, Regno Unito, ecc. Non vediamo altri dati che possano spiegare ciò a cui stiamo assistendo e questa risposta immunitaria errata squilibrata tra il passaggio da Th 1 a Th 2 sembra essere la migliore spiegazione finora. Come affrontiamo questa situazione, che è potenzialmente catastrofica? Noi sosteniamo di fermare la vaccinazione (con particolare attenzione alle persone ad alto rischio, se adeguatamente informate e consenzienti; offriamo o rendiamo disponibile il vaccino, ma non lo imponiamo) e la realtà è che se questo modello è valido, allora l'aumento del sistema immunitario sarà ulteriormente sbilanciato verso una risposta anticorpale quando la necessaria risposta immunitaria citotossica alle esposizioni successive non c'è o è gravemente messa da parte. Diciamo anche che in nessuna condizione, nessuna, permettiamo ai nostri bambini sani a basso rischio di essere vaccinati con questi vaccini sub-ottimali, imperfetti, con perdite e in gran parte senza test di sicurezza che forniscono solo una potenziale opportunità di danno. Il nostro punto di vista è di imporre uno stop duro ora su questi vaccini/booster. Dobbiamo chiedere agli sviluppatori di vaccini di affrontare i danni che stiamo vedendo prima di andare oltre e, infatti, abbiamo molte alternative per affrontare questa emergenza. Non abbiamo bisogno di questi vaccini. Non ne abbiamo mai avuto bisogno. È imperativo prendere in considerazione alternative al di là del solo vaccinare Per esempio, usando la prevenzione delle malattie non vaccinali, come trattamento ambulatoriale precoce e i nutraceutici disponibili come la vitamina D/calcifediolo, lo zinco e l'ivermectina profilattica. 

Pulsanti di condivisione

Telegramma
Email
Facebook
Twitter
WhatsApp
Stampa

Newsletter

Sii il primo a sapere quando il Dr. Trozzi rilascia contenuti. L'iscrizione alla nostra newsletter è gratuita ed è possibile annullare l'iscrizione o modificare le impostazioni di notifica in qualsiasi momento.


Appiccicoso su
it_ITItaliano