Dottor Mark Trozzi

Onesto | Etico | Medico

Teorie nanoelettriche

Teorie nanoelettriche

Rice University 2016 Grafene auto-assemblante in influenza elettromagnetica

La controversia dell'ossido di grafene

Abbiamo apprezzato la varietà di feedback che abbiamo ricevuto al nostro rapporto dell'11 ottobre che condivideva le affermazioni e le immagini dell'analisi microscopica del dottor Botha. Alcuni lettori sono stati felici che abbiamo finalmente discusso dell'ossido di grafene, in quanto si sentono sicuri che questo fa parte del jab. Tuttavia, alcuni, tra cui uno dei miei colleghi più rispettati, ha scritto onestamente che questa è "pura finzione". Molto correttamente ha sottolineato che l'argomento può distrarre da elementi biologici e impatti delle iniezioni di cui siamo assolutamente certi, che sono prove più che sufficienti per fermare immediatamente queste iniezioni. Sono assolutamente d'accordo con il mio stimato collega; con o senza grafene, particelle metalliche o altri rapporti di ingredienti non rivelati all'interno delle nefaste iniezioni; ci sono molte ragioni di cui siamo assolutamente certi, per fermare immediatamente le iniezioni.

Tuttavia, è un'area di discussione interessante come minimo. Quindi, con un grosso grano di sale, ecco qualcosa che è almeno interessante.Considerate il concetto di ossido di grafene iniettabile che si auto-assembla in componenti elettrici sotto l'influenza elettromagnetica. Non è altro che una folle e irrealistica fantasia fantascientifica? Forse, ma considerate questa presentazione del 2016 di una tecnologia che è stata tranquillamente sviluppata in diversi anni prima del 2016.

Qui la Rice University presenta nanotubi di grafene che si autoassemblano sotto l'influenza elettromagnetica di una bobina di tesla:

Notate la menzione dell'ingegneria biomedica come applicazione di questa teslaforesi dei microtubuli di grafene, più di cinque anni fa.

I nanotubuli di carbonio sono molecole cilindriche che consistono in fogli arrotolati di atomi di carbonio monostrato chiamati "grafene".

Se presente, ci possono essere differenze tra l'ossido di grafene sospettato da molti e riportato da alcuni per essere presente nelle iniezioni di covidi, e il grafene nel video della Rice University 2016. Inoltre, il campo elettromagnetico generato da una bobina tesla differisce dal già relativo spettro di radiazioni elettromagnetiche che possono essere generate utilizzando la tecnologia di comunicazione/armi 5 G; tuttavia, questa ricerca della Rice University presentata più di cinque anni fa dovrebbe avvisarci che tali proposte di un'interazione tra grafene iniettabile e radiazioni EMF a fascio diretto 5G, non dovrebbero essere assolutamente scartate di riflesso come una "fantasia fantascientifica, futuristica e lontana".

Per citare Dorothy del Mago di Oz, "Toto, ho la sensazione che non siamo più nel Kansas".

Pulsanti di condivisione

Telegramma
Email
Facebook
Twitter
WhatsApp
Stampa

Newsletter

Sii il primo a sapere quando il Dr. Trozzi rilascia contenuti. L'iscrizione alla nostra newsletter è gratuita ed è possibile annullare l'iscrizione o modificare le impostazioni di notifica in qualsiasi momento.


Appiccicoso su
it_ITItaliano