In che modo l'idrossiclorochina aiuta lo zinco a sopprimere i coronavirus?

La replicazione del Coronavirus all'interno delle nostre cellule comporta una fase critica di replica del suo codice genetico. Questo richiede un enzima chiamato "replicasi". È anche chiamato "RNA polimerasi RNA-dipendente". L'enzima replicasi è inibito dallo zinco; questo spiega le proprietà antivirali comunemente note dello zinco. Tuttavia, indipendentemente da quanto zinco si ingerisce, i livelli di zinco all'interno delle nostre cellule sono limitati. Ciò che è necessario per aumentare questi livelli intra-cellulari di zinco è una molecola ionoforo, che ammette più zinco nelle cellule. Le molecole ionofore per lo zinco includono l'idrossiclorochina, la clorochina e la chinina.

Così, l'idrossiclorochina permette a più zinco di entrare nelle nostre cellule, che sopprime l'enzima replicasi e interferisce con la replicazione del virus del suo RNA, e quindi interferisce con la capacità del virus di utilizzare il nostro macchinario cellulare per riprodursi.  

In che altro modo l'idrossiclorochina combatte i coronavirus?

L'idrossiclorochina e la clorochina interferiscono anche con l'attacco del virus alle cellule e l'accesso alle cellule. Questo si ottiene con due azioni. Una è il blocco dell'acido scialico sulla membrana cellulare. L'acido scialico è importante per il legame del virus ai recettori ACE-2 della cellula. L'altra consiste nell'alcalinizzare il contenuto degli endosomi (le bolle della membrana cellulare, all'interno delle quali il virus entra nelle nostre cellule); e alcalinizzare il contenuto dei lisosomi che sono coinvolti nel trattamento degli endosomi contenenti il virus.

Quindi, l'idrossiclorochina interferisce con il virus che entra nelle nostre cellule attraverso due meccanismi e sopprime la replicazione del materiale genetico del virus.

Azitromicina

La maggior parte dei protocolli di idrossiclorochina per il covid-19 includono idrossiclorochina, zinco, più azitromicina. L'azitromicina è un antibiotico; funziona contro i batteri, non contro i virus direttamente. Tuttavia, con le infezioni virali e la conseguente infiammazione, i batteri spesso crescono nel muco e nei detriti dell'infezione virale. Questo complica ulteriormente la malattia. Questo è un fenomeno comune chiamato infezione batterica secondaria. L'utilità dell'azitromicina nella terapia con idrossiclorochina e zinco, è probabile a questo proposito.

Ecco un protocollo che è stato usato in modo sicuro in molti paesi:

A. Inclusione (cioè chi lo prende?):

  • Pazienti malati di coronavirus, che hanno anche diabete mellito preesistente, pressione alta, obesità, malattie cardiache, COPD ("polmone del fumatore").
  • Pazienti con più di 65 anni.
  • Pazienti che hanno il fiato corto mentre sono malati di covid, indipendentemente dalla loro età o da altre condizioni. Nota: dall'80 al 99 % delle persone con covid non ne avranno bisogno, è solo un raffreddore per loro.

B. Regime di dosaggio di cinque giorni:

Idrossiclorochina 200 mg due volte al giorno, zinco 100 mg due volte al giorno, e azitromicina 500 mg una volta il primo giorno, poi 250 mg in ciascuno dei quattro giorni successivi.

Che dire dello studio pubblicato da Lancet contro l'idrossiclorochina?

Una rivista medica generalmente molto rispettata, il Lancet, ha pubblicato il 28 maggio 2020, uno studio che pretendeva di dimostrare che l'idrossiclorochina non era efficace nel trattamento della covdi-19. Questo ha portato all'interruzione di serie sperimentazioni cliniche in tutto il mondo. Ma lo studio non era credibile e fu poi ritrattato. Purtroppo, il danno era già fatto, prima della ritrattazione. Questo farmaco terapeutico accessibile può aiutare quelle rare persone che si ammalano davvero con il Covid; ma è stato soppresso. Questo ha mantenuto la strada per brevetti di nuovi farmaci molto più costosi e iniezioni sperimentali. Nel frattempo, ai pazienti di tutto il mondo è stato negato questo sicuro farmaco terapeutico e preventivo. Ecco lo studio pubblicato su Lancet ritrattato: https://www.thelancet.com/journals/lancet/article/PIIS0140-6736(20)31180-6/fulltext

Ecco il testo di NBC news su questo:

Lo studio in sé era enorme, includendo, ha affermato, i dati di 96.000 pazienti COVID-19 da 671 ospedali in sei continenti. I risultati hanno suggerito che l'idrossiclorochina non ha beneficiato i pazienti ed è stato effettivamente associato ad un aumento del rischio di morte in ospedale. Il gran numero di pazienti ha sollevato importanti domande tra gli esperti esterni. La quantità di pazienti che sono stati inclusi in un dato paese o un dato continente era quasi più o una proporzione molto alta del numero totale riportato in quell'area geografica, come se fossero inclusi più casi del possibile", ha detto il Dr. Daniel
Culver, un esperto di cura polmonare e critica alla Cleveland Clinic che non è stato coinvolto nella ricerca. Culver ha detto che c'erano anche preoccupazioni sul fatto che il farmaco fosse persino disponibile per i pazienti COVID-19 in alcune aree in cui è stato segnalato che è stato usato.

Per il link completo dell'articolo qui: https://www.nbcnews.com/health/health-news/lancet-retracts-large-study-hydroxychloroquine-n1225091

Le nazioni dell'Africa subsahariana hanno tassi di mortalità più bassi delle nazioni occidentali?

È interessante che nei paesi poveri dell'Africa subsahariana, l'idrossiclorochina è comunemente usata per trattare e prevenire la malaria. Quindi il farmaco è facilmente disponibile al banco, come l'aspirina. Il risultato è un tasso di mortalità da covid-19 molto più basso in questi paesi, rispetto a molte nazioni "ricche", dove il farmaco è stato soppresso, presumibilmente per proteggere altri schemi commerciali e politici.

La cospirazione per sopprimere questa medicina a buon mercato disponibile per salvare innumerevoli vite, è una storia di grande male e di inganno. Esploratela in questo video: https://www.brighteon.com/c8beeccc-24f1-4e44-a596-0a52abe89a0e

Il dottor Fauci si contraddice

È anche interessante che una delle celebrità dei covidi, il dottor Anthony Fauci, chiaramente non ha approvato l'idrossiclorochina fin dall'inizio della "pandemia" dei covidi. Eppure, era il capo del NIH, quando hanno pubblicato questo studio nel 2005 sugli effetti della clorochina sul coronavirus SARS-CoV, il cugino recente del virus covid-19 SARS-CoV2.  

Ecco lo studio del 2005:  https://pubmed.ncbi.nlm.nih.gov/16115318/

Un'intervista che vale la pena guardare

Prendete questa intervista di Glen Beck con la dottoressa Simone Gold, una vera eroina in questa storia: 

https://www.brighteon.com/ff9f4749-9241-45a3-a23e-d3c199ebdd00

Pulsanti di condivisione

Telegramma
Email
Facebook
Twitter
WhatsApp
Stampa

Newsletter

Sii il primo a sapere quando il Dr. Trozzi rilascia contenuti. L'iscrizione alla nostra newsletter è gratuita ed è possibile annullare l'iscrizione o modificare le impostazioni di notifica in qualsiasi momento.


Inviando questo modulo, si acconsente a ricevere e-mail di marketing da: Trozzi, RR2, Bancroft, ON, K0L 1C0, https://drtrozzi.com/. È possibile revocare il consenso a ricevere e-mail in qualsiasi momento utilizzando il link SafeUnsubscribe®, che si trova nella parte inferiore di ogni e-mail. Le e-mail sono servite da Constant Contact

I nostri alleati

it_ITItaliano